piattaforma finanziaria
Glossario dei termini finanziari relativi al settore degli investimenti e dei finanziamenti alle PMI.

Azione
Titolo che rappresenta una parte del capitale sociale di una società. Chi compra una azione diventa socio della società.

Azione di risparmio
Azione i cui possessori godono di un privilegio nella distribuzione degli utili della società e sul capitale in caso di liquidazione della società. Queste azioni sono prive del diritto di voto. Possono essere emesse solo da società con azioni ordinarie quotate in Borsa.

Azione privilegiata
Azione che gode del privilegio di ricevere un dividendo più alto di quello distribuito ai possessori di azione ordinaria. Non ha diritto di voto nelle assemblee ordinarie.

BOT o Buoni Ordinari del Tesoro
Sono titoli di credito emessi dallo stato per finanziare il proprio debito pubblico.

Capital gain
Guadagno di un investimento azionario, o plusvalenza; differenza positiva tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita di un titolo.

Capitale di debito
Capitale di un’impresa costituito dall’insieme dei crediti a essa concessi da terzi. Questi crediti possono essere di due tipi. I crediti di finanziamento, (mutui, prestiti bancari, prestiti obbligazionari) e le dilazioni dei tempi di pagamento concesse dai fornitori.

Capitale di rischio
Parte di capitale di un’impresa investito dall’imprenditore. E’ costituito dal capitale sociale versato in denaro o con conferimenti in beni mobili e immobili, al momento della costituzione dell’azienda o in tempi successivi. Chi partecipa al capitale di rischio di un’azienda non ha la certezza del compenso che verrà corrisposto in seguito come dividendi e come rivalutazione dei beni conferiti.

Cedola
Tagliando allegato al titolo obbligazionario, che consente a scadenza di riscuotere gli interessi o i dividendi maturati. Le cedole possono essere negoziate anche separatamente dal titolo. Rappresenta l’interesse pagato ai sottoscrittori durante la vita di una obbligazione. Può avere periodicità trimestrale, semestrale, o annuale. L’interesse può essere fisso o variabile (indicizzato).

Commissioni
Costi fatti pagare dall’intermediario per acquisto, vendita o gestione di uno strumento finanziario.

Commissioni di entrata
Costi pagati dal sottoscrittore all’atto dell’investimento in un Fondo o in una Sicav.

Commissioni di gestione
Rappresentano la remunerazione del gestore e sono espresse in misura percentuale.

Commissioni di performance
Vengono pagate dal sottoscrittore se e quando il Fondo o la Sicav raggiunge un rendimento maggiore, in un determinato periodo, rispetto ad un parametro prestabilito.

Commissioni di uscita
Importo fatto pagare all’investitore nel momento in cui riscatta le quote di un fondo o di una Sicav. Diminuisce col passare del tempo. Ha lo scopo di “scoraggiare” il disinvestimento, soprattutto nel breve periodo. E’ una remunerazione per chi colloca il fondo.

Cum warrant
Ad alcune obbligazioni é associato un warrant: titolo che consente a chi lo detiene di acquistare, in un periodo e a condizioni predefiniti, una certa quantità di altri titoli (di solito azioni). Superata la data limite, diviene di fatto un’obbligazione normale.

Derivato
Si tratta di un prodotto finanziario il cui prezzo dipende dal valore sul mercato di altri titoli o attività, detti sottostante. Esistono sia derivati quotati, trattati su specifici mercati regolamentati, sia derivati non quotati, scambiati su mercati non regolamentati.

Dividendo
E’ la quota di utili conseguiti da una società che può essere distribuita ai soci in ragione delle azioni possedute. La distribuzione dei dividendi é uno dei parametri che si utilizzano per valutare la salute di un titolo.

Emissione
Per un’obbligazione, é l’operazione che consiste nel lanciare un prestito sul mercato a delle condizioni predeterminate: tasso di interesse, durata, modalità di rimborso, ecc. Per un’azione, indica il lancio di nuove azioni sul mercato in caso di aumento del capitale. Per fondi comuni di investimento e Sicav, indica la creazione di nuove quote.

Flottante
é la parte del capitale di una società non detenuta dagli azionisti di maggioranza, e quindi disponibile per le negoziazioni in Borsa. Maggiore é la liquidità di un titolo (misurata dal volume delle transazioni e dal flottante) più gli investitori possono acquistare e vendere titoli senza provocare grosse variazioni nei prezzi.

Flusso di cassa
Misura le entrate di un dato periodo al netto delle spese. Esprime la liquidità che l’impresa é in grado di produrre nel corso dell’esercizio. Nella sua formulazione più semplice viene calcolato come somma di utile netto, ammortamenti e accantonamenti.

Fondi speculativi o hedge funds
Ricorrono a diverse strategie di gestione allo scopo di ottenere un rendimento, indipendente dall’evoluzione dei mercati.

Forex
E’ la forma abbreviata per Foreign Exchange. E’ il mercato della compravendita delle valute che rende possibile le transazioni internazionali tra banche e multinazionali. Negli ultimi anni é un mercato aperto anche ai trader per aumentare la liquidità degli scambi e quindi ora é possibile usare questo mercato per fare trading e trarre profitto dai movimenti dei prezzi delle valute.

Future
Strumento finanziario derivato; il suo rendimento, cioè, dipende dall’andamento di un altro strumento finanziario (azioni, indici di Borsa, beni) sottostante. Con questo contratto, due parti si impegnano ad acquistare o vendere, a una data futura, un determinato bene (il sottostante) a un prezzo predeterminato. E’ uno strumento speculativo e rischioso. A differenza delle opzioni, il contratto é vincolante per entrambe le parti.

Leva Finanziaria
La Possibilità di controllare una grossa quantità con poco. Le principali leve sono cinque: soldi, tempo, idee, lavoro, esperienze. Usando le leve si oltrepassano le proprie risorse limitate andando ad usare soldi, tempo, idee, lavoro ed esperienze di altri.

Lungo termine
Riferita a un’obbligazione indica una scadenza superiore ai sette anni, mentre riferita alle normali operazioni bancarie, indica scadenze superiori ai tre anni.

Mezzi propri
I capitali forniti dai soci (direttamente o tramite gli utili maturati e non riscossi), e non prestati da finanziatori. A livello contabile sono le attività della società (immobili, impianti, crediti…) a cui vanno sottratti i debiti e i fondi accantonati per copertura dei rischi.

Obbligazione
Titolo di debito che può essere emesso da enti sovranazionali, istituzioni pubbliche (es. Titoli di Stato) o aziende (Obbligazioni societarie) per provvedere alla copertura del proprio fabbisogno finanziario. L’obbligazione rende creditore della società o dell’ente emittente. Come creditore, si incassano (di solito una volta all’anno o semestralmente) le cedole.

Obbligazione indicizzata
Obbligazione che paga una cedola variabile, il cui importo é legato all’andamento di un paniere, formato da indici (index linked) o titoli azionari (equity linked).

Opzioni
Sono strumenti finanziari regolati da un contratto che conferisce il diritto, ma non l’obbligo, di comprare un’attività finanziaria (sottostante) ad un certo prezzo entro una certa data. Esiste anche la possibilità di vendere opzioni e questo offre una possibilità unica di generare cash flow dai mercati finanziari.

Passività
Qualsiasi cosa (bene o servizio) che, dopo l’acquisto, non comporta nessun ritorno finanziario ma al contrario comporta solo ulteriori esborsi di capitale.

Quick ratio
Rapporto tra attività a breve termine (crediti verso clienti a breve termine, riscuotibili entro 12 mesi, denaro in cassa, ecc.) e debiti a breve termine (debiti verso fornitori da onorare entro 12 mesi). Valori superiori a 1 indicano una buona solvibilità in modo da far fronte al pagamento dei debiti a breve con le sole risorse a breve termine,senza intaccare le risorse economiche immobilizzate. Valori superiori a 1 indicano l’esistenza di un rischio nel far fronte ai debiti a breve termine. E’ anche chiamato acid test.

ROE Return on Equity
Rapporto tra rendimento e patrimonio di una società. Misura la redditività del denaro messo a disposizione dell’impresa dai suoi azionisti. Un Roe del 15% significa che la società produce 15 euro di utili ogni 100 euro di patrimonio conferito dai suoi azionisti (capitale sociale, più riserve). Non tiene conto però dei finanziamenti: se un’azienda ricorre massicciamente all’indebitamento può anche aumentare molto il ROE, senza che migliori la sua redditività complessiva.

Scadenza
Data in cui l’investimento giunge al termine ed in cui l’investitore riceve il capitale investito (intatto o meno, secondo le condizioni di investimento e le circostanze) ed, eventualmente, il rendimento di questo investimento.

Sicav
Società di investimento a capitale variabile. Le Sicav funzionano come un fondo comune: raccolgono capitali tra i risparmiatori e li investono nei mercati. Nel caso di fondo si tratta di quote di partecipazione, nel caso delle Sicav azioni della Sicav stessa.

Strumenti Finanziari
Classe che raggruppa tutti gli investimenti che si possono fare nei mercati finanziari: azioni, obbligazioni, forex, opzioni, ecc.

Svalutazione
La perdita del potere di acquisto della moneta. Più passa il tempo e più con la stessa quantità di moneta compri meno beni. Attenzione che é simile ma non identica all’inflazione.

Swap
Strumento derivato, composto da un contratto stipulato tra due sottoscrittori per lo scambio di flussi finanziari, secondo specifiche modalità. Il contratto é sottoscritto attraverso un intermediario finanziario che gestisce l’operazione e controlla il regolare svolgimento di questa, garantendo le controparti dal reciproco rischio d’insolvenza. Può essere sottoscritto su obbligazioni; nel mercato dei cambi (currency swap); nel mercato dei capitali (interest rate swap); sul mercato delle merci (commodity swap).

Zero coupon
Sono obbligazioni che non distribuiscono interessi periodici mediante lo stacco di cedole: il loro rendimento é dato dalla differenza tra quanto incassato al rimborso e quanto sborsato all’emissione. BoT e CTz sono tipici zero coupon.